logo Ufficiomarketing.it
MENU

Società | Post di Sbertani

L'influenza del marketing della Coca-Cola sull'immagine di Babbo Natale

L'immagine di Babbo Natale che conosciamo oggi è in gran parte dovuta alla Coca-Cola. L'azienda ha iniziato a utilizzare il personaggio nelle sue pubblicità natalizie dal 1931 e da allora ha contribuito a plasmare il suo aspetto contribuendo a rendere popolare Babbo Natale come lo conosciamo oggi.

Prima del coinvolgimento della Coca-Cola, Babbo Natale veniva raffigurato in vari modi, da un uomo alto e magro a un elfo dall'aspetto inquietante. A dire il vero, il fumettista della Guerra civile Thomas Nast aveva già rappresentato Babbo Natale con un cappotto rosso nel 1862 per "Harper's Weekly", una rivista politica statunitense con sede a New York e pubblicata da Harper & Brothers dal 1857 al 1916 . Ma a regalarci l’aspetto che tutti oggi conosciamo fu proprio l’azienda di bibite americana che nel 1931 commissionò all'illustratore Haddon Sundblom di realizzare una serie di immagini di Babbo Natale per la campagna pubblicitaria natalizia.

Sundblom si fece ispirare dalla poesia del 1822 "A Visit from St. Nicholas" (Una visita di San Nicola/Babbo Natale), comunemente nota come "The Night Before Christmas" (La notte prima di Natale) che aveva dato il via all'evoluzione del personaggio. Creò così un personaggio caloroso e positivo, con le tipiche caratteristiche fisiche che oggi tutti conosciamo come le guance rosee, la barba bianca, il pancione e la tipica risata.

Il Babbo Natale di Sundblom apparve nelle pubblicità della Coca Cola sul "Saturday Evening Post", una rivista americana, e regolarmente in altre pubblicazioni importanti come il National Geographic e il The New Yorker giusto per fare degli accenni storici. Gli annunci mostravano Babbo Natale in vare scene, come nell’atto di consegnare giocattoli, bere una Coca-Cola e parlare con i bambini. Il Babbo Natale della Coca-Cola diventa così una delle icone culturali più amate della tradizione natalizia tanto da sostituirsi, anche nelle case italiane, al più classico Gesù bambino.

Le pubblicità dell'azienda si sono evolute nel tempo, ma l'immagine centrale di Babbo Natale creata da Sundblom è rimasta sostanzialmente invariata ed è ancora oggi associata al marchio.

Sebbene la Coca-Cola non abbia inventato Babbo Natale, è indubbio che le sue campagne pubblicitarie abbiano avuto un impatto significativo. L'intuizione di utilizzare un personaggio iconico come Babbo Natale da parte del marketing dell'azienda è stata talmente importante ed efficace da cementare la sua immagine, e il brand, nella coscienza collettiva e ad associarla alle festività natalizie.

Naturalmente la Coca-Cola non è l'unica azienda ad aver contribuito a plasmare l'immagine di Babbo Natale. Altri fattori, come i film natalizi e le canzoni popolari, hanno avuto comunque un ruolo importante. Ma l'influenza della Coca-Cola è stata sicuramente significativa.


Letture: 136 | Allegati: 0 | Commenti: 0
Aggiornato il 25-12-2023

Post per Categoria

Segui Ufficiomarketing.it sui social