logo Ufficiomarketing.it
MENU

Normative | Post di Sbertani

Rinnovato il Piano Transizione 4.0, ex Industria 4.0, per favorire l'innovazione tecnologica

Con l'ultima Finanziaria è stata sostanzialmente confermata la linea intrapresa dal Ministero per lo sviluppo economico a partire dal 2017 con il Piano nazionale Industria 4.0, finalizzata ad incentivare l'innovazione tecnologica e l'interconnettività nelle imprese (con un occhio anche alla sicurezza).

Il piano originario, ora evoluto nel "Piano nazionale Transizione 4.0", era nato con lo scopo di incentivare gli investimenti nelle nuove tecnologie oltre che in ricerca e sviluppo. Il termine "Industria 4.0", negli intenti, voleva di fatto rappresentare la “Quarta rivoluzione industriale” che vede come punto nodale la gestione dei dati e delle informazioni.

In pratica, si veleggia verso l'Internet delle cose (IdC), in inglese Internet of Things (IoT), che Wikipedia definisce come "neologismo utilizzato nel mondo delle telecomunicazioni e dell'informatica che fa riferimento all'estensione di internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti, che acquisiscono una propria identità digitale in modo da poter comunicare con altri oggetti nella rete e poter fornire servizi agli utenti". Per semplificare, a livello aziendale, tutto quanto è interconnesso e permette di scambiare dati e gestire processi.

Questi incentivi sono usufruibili attraverso la modalità del credito d'imposta, per l'acquisto di beni strumentali interconnessi: in pratica "beni materiali" come computer, macchinari e dispositivi anche di sicurezza, e "immateriali" come software, licenze e sistemi gestionali e per la logistica. Mi piace ribadirlo in quanto rimane un'ottima opportunità da valutare, specialmente in quei contesti e settori dove l'innovazione tecnologica potrebbe contribuire a migliorare la competitività con i mercati esteri.

Oggi molte aziende fornitrici di sistemi e piattaforme software (per intenderci System integrator e Software house) offrono servizi di supporto per aiutare le loro aziende clienti ad accedere a tali incentivi (in taluni casi serve anche una perizia tecnica), proponendoli come leva o agevolazione commerciale.

Per maggiori informazioni: LINK


Letture: 255 | Allegati: 0 | Commenti: 0
Aggiornato il 07-10-2022

Post per Categoria

Segui Ufficiomarketing.it sui social