logo Ufficiomarketing.it
MENU

Tecnologie | Post di Sbertani

Protocolli POP3, IMAP e come leggere la posta elettronica fuori ufficio con la webmail.

Praticamente tutti i terminali come gli smartphone e i pad permettono di installare app per la lettura delle e-mail. Ma nel caso ne fossimo sprovvisti, la maggior parte dei provider forniscono il servizio di webmail: attraverso qualsiasi dispositivo connesso alla rete Internet, collegandosi ad una specifica pagina web è possibile operare sulla casella di posta elettronica sia per leggere i messaggi arrivati sia per inviarne di nuovi.

Attenzione, questa modalità di connessione non tiene conto dei messaggi già precedentemente scaricati sul proprio computer di casa o dell'ufficio, ma ci permette di leggere solo quelli ancora disponibili nella casella Internet gestita presso il nostro operatore (quindi NON ancora scaricati). Questo ovviamente se abbiamo configurato i nostri dispositivi per operare attraverso il protocollo POP3 che prevede lo scaricamento delle email sul dispositivo utilizzato per la lettura delle email e la conseguente cancellazione sul server.

Inoltre, nel caso di cancellazione o di invio tramite il servizio di webmail, quando successivamente ci collegheremo alla casella dal nostro computer (attraverso il solito programma di posta elettronica che funge quindi da archivio), potremo scaricare solo quanto lasciato nella posta in arrivo e non altro.

In alternativa è possibile gestire la nostra posta con il protocollo IMAP: questo protocollo permette di accedere alla nostra casella visualizzando le email che rimangono comunque sempre conservate sul server, e quindi visibili contemporaneamente da qualsiasi nostro dispositivo.
In questo caso però è importante sottolineare come molti operatori limitino l'utilizzo della casella di posta elettronica ad un massimo di Mb archiviabili: quindi se utilizziamo il protocollo IMAP è necessario periodicamente collegarsi e scaricare (archiviare) oppure eliminare le mail più vecchie per liberare la memoria, pena la mancata possibilità di ricevere nuovi messaggi.

A livello lavorativo, si consiglia di operare in modalità IMAP in modo da avere sempre sincronizzati i nostri device (per esempio il nostro pc fisso in ufficio, il portatile, il computer di casa e il nostro smartphone) procedendo magari con l'archiviazione delle email più datate su CD e utilizzando il servizio di webmail solo per le urgenze. Anche perché il protocollo IMAP permette di leggere le email già scaricate sul dispositivo senza essere connessi a Internet, mentre i servizi di webmail funzionano solo a connessione attiva.


Letture: 1445 | Allegati: 0 | Commenti: 2
Aggiornato il 16-01-2020

Commento di Sbertani

Come si diceva per gestire le e-mail è possibile utilizzare due diverse modalità: attraverso il protocollo POP3 o il protocollo IMAP. Nel secondo caso, tutti i dispositivi si collegano al proprio server email ma non cancellano i messaggi quando li scaricano sul dispositivo utilizzato. Attenzione che potrebbe essere pertanto facile riempire tutto lo spazio del server.

Pubblicato il 16-01-2020

Commento di Sbertani

Bisogna aggiungere che oggi alcune aziende come Microsoft, Apple, Google eccetera mettono a disposizione servizi di e-mail molto capienti evitando cosi di cancellare o scaricare frequentemente, nel caso utilizzo del protocollo IMAP, le mail più vecchie per liberare spazio a quelle nuove.

Pubblicato il 16-01-2020

Post per Categoria

Segui Ufficiomarketing.it sui social