logo Ufficiomarketing.it
MENU

Negoziazione e Vendite | Post di Sbertani

I perché della crisi del giocattolo

I TG e i giornali hanno annunciato che Toys 'R' Us chiude i battenti. Notizia già attesa dallo scorso settembre. Ma come é possibile? Si parla di giocattoli!

A parte le solite voci non confermate di tipo finanziario, molti accusano queste catene della mancanza di strategie esperienziali finalizzate a coinvolgere i piccoli clienti. Possibile ma non credo sia l'unica spiegazione. Altrimenti non avrebbero chiuso alla fine degli anni 90 migliaia di negozi di computer e videogames per colpa di politiche distributive che hanno premiato la GDO. E non si può dire che in quei negozi mancasse il coinvolgimento.

La verità come sempre sta nel mezzo.

Da una parte manca certamente l'elemento esperienziale: certi negozi sono diventati degli asettici magazzini con personale poco empatico.
Dall'altra però il settore é stato invaso da una miriade di giocattoli di bassa qualità: plasticoni senza anima. Oggi, a differenza forse di una volta, non si vende solo Lego, Barbie, Playmobil o Star Wars.

I vecchi plastici Lima sono stati sostituiti da confezioni di trenini poco realistici. Se vuoi costruirti una pista devi accontentarti del kit base senza possibilità di espansione. E vogliamo parlare dei robot "imitazione"? Quindi è anche una questione di prodotto.

Le grandi catene propongono giocattoli "anonimi" per allargare l'offerta e aumentare il profitto: una strategia che non aiuta certo il coinvolgimento e non stimola nemmeno i bambini.

Infine le vendite online: é innegabile che online si riesca a comprare a prezzi migliori. Perché negarlo.


Letture: 631 | Allegati: 0 | Commenti: 0
Aggiornato il 18-03-2017

Post per Categoria

Segui Ufficiomarketing.it sui social